Laurenzia Pellegrini

Sono Laurenzia, un’amante del Mondo, appassionata di fotografia e dello scambio internazionale tra varie culture.

Nativa del Lago di Garda, cresciuta tra Madonna di Campiglio, Parma e Sirmione, ho avuto la fortuna di approcciarmi a varie attività sportive legate al luogo in cui ho abitato (dal nuoto, allo sci, al trekking, alla pallavolo) ed a differenti ambienti naturalistici protetti, che mi hanno formata sotto vari aspetti e che mi hanno portata alla scoperta della fertile pianura padana dell’Emilia Romagna, dei vicini e affascinanti appennini, del meraviglioso ambiente montano e balneare circostante il Lago di Garda e delle spettacolari Dolomiti del Brenta.

Nel contempo, sono sempre stata abituata a viaggiare per l’Italia, in tutta Europa ed Oltreoceano, grazie alla mia passione per i viaggi ed ai miei studi universitari di lingue straniere (Inglese e Francese).
Lavoro da anni nel settore dell’ospitalità, nella gestione alberghiera, a contatto con turisti provenienti da tutto il mondo e, amante dunque del settore turistico, ho scelto di espandere i miei orizzonti, diventando anche Accompagnatrice Turistica e Guida Ambientale Escursionistica.
Mi piace proporre escursioni panoramiche, alla scoperta della cultura e tradizioni del luogo, e viaggi curati, autentici, considerando anche le mete più “classiche” in periodo destagionalizzato, a mio parere di gran fascino.
Mi troverete a camminare soprattutto nei meravigliosi dintorni del Lago di Garda, ma comunque in viaggio come accompagnatrice turistica verso diverse mete.
A disposizione per accompagnarvi nei vostri viaggi, per mostrarvi come un territorio a voi sconosciuto possa esser vissuto in tutta la sua bellezza, per camminare a contatto con la natura con occhi nuovi, riscoprendo la vostra essenzialità, che porterete fisicamente nello zaino e più soggettivamente nelle vostre idee.
Certa che, come scrive D.Le Breton,” La lentezza ci permetta di essere all’altezza del ritmo del mondo, ci immerga nel cuore dell’ambiente, ponga i dettagli del percorso all’altezza dei sensi”, mi sento di dire, anche a chi si approccia per le prime volte al trekking, che “L’alba, la pioggia, le colline, le montagne, le pietre, la terra ci ricordano la nostra umanità essenziale, immersa in un mondo che ci oltrepassa, ogni qualvolta siamo esposti ai venti del mondo”.